Get Adobe Flash player

Federico II e il sogno europeo - X Edizione 09-16 Maggio 2016

Gonfaloni e bandiere con stemmi in ogni strada, tamburi imperiali, flauti e giullari, bimbi, ragazze e uomini di ogni età con tuniche, cappucci e cinturoni, archi e frecce che sbucano dalle feritoie di antiche fortezze. Il sogno di una città medievale rivive a Enna, umbilicus Siciliae e cuore palpitante del Mediterraneo, dal 9 al 16 maggio.

 

È la Settimana europea federiciana, giunta alla sua decima edizione, manifestazione che riporta il capoluogo più alto d’Italia indietro nel tempo, al 1.200, nei gloriosi anni del governo dell’imperatore Federico II che scelse Enna come sua dimora estiva. Quello voluto e organizzato dalla sede ennese della Casa d’Europa, impegnata nella diffusione di una coscienza europea a partire dal recupero delle radici culturali e delle identità locali, non è solo un omaggio a “Federico II e il Sogno europeo”, ma un vero e proprio percorso per una crescita socio-economica e uno sviluppo turistico e culturale.

 

L’iniziativa, nel 2008 sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, accompagna i bambini e i ragazzi delle scuole alla riscoperta delle radici federiciane, promuove un percorso turistico tra i gioielli medievali della città (come la Porta di Janniscuru, la Torre di Federico, il Castello di Lombardia), prevedendo anche delle tappe gastronomiche interamente pensate e degustate in chiave medievale (con tanto di stoviglie in legno e rivisitazione di piatti della corte di Federico II). Imperdibili i tornei di arco storico medievale in costumi d’epoca, i giochi medievali, validi per il Palio federiciano, disputati in otto diversi quartieri storici della città (u Pupulu, Sarbaturi, San Pitru, Funnurisi, Beddivirdi, Sant’Austinu, a Chiazza e San Tumasi), i cortei e le rievocazioni con decine di figuranti, musici, sbandieratori, danzatori, e l’allestimento del mercato medievale che vede coinvolti artigiani, commercianti e produttori del territorio.

 

Degna di nota, la cerimonia per il conferimento del Premio per l’Europa “Federico II” (IX edizione) a una personalità che si è distinta per l’impegno a favore di un’Europa unita in ambito nazionale e internazionale, già assegnato in passato a Paul Poupard, Predrag Matvejević, Giovanni Puglisi, Carlo Azeglio Ciampi, Pier Virgilio Dastoli, Salvo Andò, Gianni Pittella e Marco Pannella. Convegni, mostre e decine di appuntamenti culturali fanno di Enna un centro di studi europeisti e federiciani e, allo stesso tempo, una meta tutta da gustare per i cultori della cucina medievale, riproposta nei ristoranti e nei punti ristoro convenzionati della città nella rassegna “A tavola con Federico”.

Cerca

Seguici